BIKERSINASCE

Forum gratis : Un gruppo di amici con la passione della MOTO e dello stare insieme per percorrere le strade della ns. bella Italia e non solo.
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  FAQFAQ  CercaCerca  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividi | 
 

 Equitalia, le novità del 2016

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Peterhansel
Admin
avatar

Messaggi : 463
Data d'iscrizione : 06.08.14
Età : 60
Località : Roma

MessaggioTitolo: Equitalia, le novità del 2016   Gio 11 Feb 2016 - 12:46

La Legge di Stabilità ha introdotto una serie di novità in tema di riscossione. La nuova Equitalia 2016 comporta diversi cambiamenti in tema di prescrizione delle cartelle, rateazioni, fermo amministrativo, pignoramenti e spese di riscossione.

Equitalia 2016: i termini di prescrizione


Non tutte le cartelle di Equitalia si prescrivono in 10 anni ma, per alcune, esiste una scadenza di 5 anni. Ecco dove:

contributi INPS e INAIL a partire dal 1° gennaio 2016;
contributi relativi alla gestione separata;
imposte locali (ad esempio TASI, TARI e IMU);
multe stradali;
sanzioni per omesso o ritardato versamento di contributi e altre sanzioni.
La classica prescrizione sale a 10 anni invece per:

IRPEF;
imposta di registro;
IVA;
canone RAI.
E per quanto riguarda il bollo auto?

Le cartelle relative al bollo auto, invece, vanno in prescrizione dopo 3 anni. Ricorda sempre che parte dalla data di notifica della cartella ma, se Equitalia ha sollecitato il pagamento con comunicazioni successive, la prescrizione ripartirà dalla data di quest’ultime.
Infine attenzione all’opposizione. Se ti opponi ad una cartella con prescrizione quinquennale e poi perdi, quest’utlima passa da 5 a 10 anni.

Cartelle esattoriali: addio alla carte

Se fino a ieri la visione del temuto Codice 670 era motivo di tensione, da quest’anno non sarà più così. Equitalia infatti sta dismettendo la classica notifica via posta per adattarsi allo standard digitale della posta elettronica certificata. Questo cambiamento andrà a “colpire” le persone fisiche che ne hanno fatto richiesta e le ditte in via obbligatoria. Se la casella non dovesse funzionare sono previsti ulteriori invii arrivando, infine, al deposito dell’atto in Camera di Commercio.

Equitalia 2016: riattivazione delle rate scadute

La Legge di Stabilità ha introdotto una sorta di salvaguardia per i contribuenti che hanno vecchi piani rateali decaduti. I soggetti che a partire dal 15 ottobre 2012 hanno visto decadere vecchi piani rateali a causa del mancato pagamento delle rate, possono riprendere a pagare, ma devono attivarsi entro e non oltre il 31 maggio 2016.

Una volta pagata la prima rata, la ricevuta dovrà essere spedita ad Equitalia che comunicherà la nuova rateazione inviando il piano al soggetto debitore. Le nuove rate ottenute saranno al massimo 72, e la decadenza del piano arriverà alla seconda rata non pagata.

Fermo amministrativo auto

A partire dal 22 ottobre 2015 la rateizzazione non è più condizione sufficiente alla rimozione delle cosiddette “ganasce fiscali”.
Fino a quella data, infatti, il fermo amministrativo si poteva bloccare ottenendo una dilazione e pagando la prima rata. Oggi invece occorre aver pagato fino all’ultima rata per liberare il mezzo, ci sono soltanto due eccezioni:

è sufficiente il pagamento della prima rata se il veicolo è strumentale all’attività dell’impresa o del professionista;
la dilazione è stata ottenuta prima che il fermo diventasse esecutivo.
Attenzione! Se si circola con un mezzo colpito da fermo amministrativo, si rischia una multa che va dai 1.988 ai 7.953 euro.


Equitalia 2016: i pignoramenti

Nel 2015 è stata introdotta una norma relativa alle pensioni che impedisce il pignoramento di somme che corrispondono all’importo dell’assegno sociale, aumentato del 50% (pari a 680 euro mensili). Equitalia potrà dunque pignorare esclusivamente un quinto dell’importo. Per quanto concerne gli stipendi, ecco le soglie per il pignoramento:

un decimo per stipendi inferiori a 2.500 euro;
un settimo per stipendi compresi fra 2.501 e 5.000 euro;
un quinto per stipendi superiori a 5.001 euro.
Vi sono poi delle novità relative ai conti correnti e pensioni accreditate. Se l’accredito è avvenuto prima del pignoramento, non è possibile pignorare più del triplo dell’assegno sociale, circa 1.440 euro. Se invece l’accredito è contemporaneo o successivo il pignoramento, allora la soglia è pari ad un quinto dell’importo.

Spese di riscossione

Sulle cartelle di pagamento consegnate a partire da gennaio 2016, è previsto uno sconto sull’aggio. Nel dettaglio il contribuente pagherà:

il 3% dell’importo della cartella esattoriale se verserà il dovuto entro 60 giorni dalla notifica;
il 6% se il pagamento avviene oltre i 60 giorni.
Attenzione! Per le cartelle consegnate nel 2015 si continuerà a pagare il 4,65% se il pagamento avviene entro 60 giorni, oppure l’8% nel caso in cui si saldi il debito oltre i 60 giorni.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
 
Equitalia, le novità del 2016
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Novità Head......
» Novità per il 2013
» Novità starburn
» Novità STARBURN 2014 [ DISCUSSIONE UFFICIALE ]
» Nuove versioni Pure Drive e Aeropro Drive

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
BIKERSINASCE :: Leggi e Norme-
Vai verso: